Warning: include_once(/web/htdocs/www.tttquartet.it/home/wp-content/uploads/wp-slimstat/browscap-db.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.tttquartet.it/home/wp-content/plugins/wp-slimstat/browscap/browser.php on line 20

Warning: include_once(): Failed opening '/web/htdocs/www.tttquartet.it/home/wp-content/uploads/wp-slimstat/browscap-db.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php/') in /web/htdocs/www.tttquartet.it/home/wp-content/plugins/wp-slimstat/browscap/browser.php on line 20

Warning: unlink(/web/htdocs/www.tttquartet.it/home/wp-content/uploads/wp-slimstat/browscap-db.php): No such file or directory in /web/htdocs/www.tttquartet.it/home/wp-content/plugins/wp-slimstat/browscap/browser.php on line 26
Dio è con noi - T.T.T. QuartetT.T.T. Quartet

DIO È CON NOI


Preti, pastori, rabbini, imam


i cappellani militari nella Grande Guerra

Dio e¦Ç con noi

 

Testi                                Katia Malatesta e Umberto Mazzone

reading                            Andrea Brunello

consulenza musicale      Renato Morelli

esecuzione live               T.T.T. Express

con Pietro Berlanda (flauto, voce), Bice Morelli (violino, voce), Renato Morelli (fisarmonica, voce) e Andrea Ruocco (contrabbasso, voce).

 

A cent’anni dallo scoppio del conflitto, la cerimonia di premiazione del XVII Religion Today Filmfestival, si è arricchita di uno spettacolo sulla fede e la pluralità religiosa negli eserciti della prima guerra mondiale.

Si chiama “Dio è con noi. Preti, pastori, rabbini, imam: i cappellani militari nella Grande Guerra”, una produzione originale che ha debuttato nel contesto del Festival, con la collaborazione di Fondazione Aida.

 

Protagonisti quattro cappellani militari – un sacerdote cattolico sul fronte alpino, un anglicano canadese, un metodista italiano, un rabbino tedesco – raccontati attraverso le loro stesse parole, tratte da diari e lettere originali.

La specificità delle singole esperienze si intreccia con un racconto comune in cui convivono la paura, la violenza, il sacrificio, l’odio e il pregiudizio, ma anche l’intensità lancinante degli episodi di com-passione sbocciati inopinatamente anche nel contesto più oscuro e disumano della “inutile strage”.

La guerra si rivela allora non solo come la grande livellatrice che annulla appartenenze e differenze sociali, ma anche, paradossalmente, come melting pot, ora rinfocolando sospetti e chiusure, ora scaturendo gesti di comune umanità e semi di un nuovo, consapevole, attualissimo pacifismo.

 

Ognuno dei quattro cappellani militari sarà introdotto di volta in volta da un breve stacco musicale che li identifica:

  • un corale luterano per il metodista italiano (Erbarme dich dalla Passione di Matteo di J.S Bach)
  • un brano klezmer per il rabbino tedesco
  • Noi vogliam Dio (l’inno ufficiale dello stato della Chiesa dal 1815 al 1857) per il sacerdote cattolico
  • il celebre In the mood (composto per l’esercito americano che combatteva nella seconda guerra mondiale) per il cappellano anglicano canadese

 

La parte introduttiva e quella finale sarà invece cadenzata da alcune strofe rispettivamente del Miserere (Musch) e del  De profundis (anonimo), a quattro voci, eseguite a cappella.